Porto San Giorgio
Ti trovi in: > Home > Procedimenti e modulistica > Commercio in sede fissa > Vendita altri prodotti (distrib. carburanti)


DC02 - Distributore carburante: attività accessorie

UfficioSportello Unico delle Imprese
Procedimenti collegatiDC01 - Impianti di distribuzione carburanti
DescrizionePresso gli impianti di distribuzione carburanti possono essere esercitate autonome attività commerciali integrative, alimentari e non alimentari, qualificabili come esercizio di vicinato, (fino a 250 mq.), ivi comprese la somministrazione di alimenti e bevande, le rivendite di generi di monopolio, la vendita di stampa quotidiana e periodica, nonché le attività ricettive.
Gli impianti possono essere dotati, altresì, di autonomi servizi per:
• l'auto e per l'automobilista, quali officina meccanica, elettrauto, gommista, lavaggio, servizi di lubrificazione;
• servizi informativi di interesse generale turistico;
• aree attrezzate per autocaravan;
• servizi igienici di uso pubblico;
• fax, fotocopie, rete internet e bancomat.
Le suddette attività sono accessorie all'attività di esercizio dell'impianto di distribuzione dei carburanti sono svolte dal titolare dell’impianto di distribuzione di carburanti in possesso dell’autorizzazione rilasciata dall’Agenzia delle dogane e non possono essere trasferite autonomamente.
Le attività seguono gli orari e le turnazioni previsti per gli impianti di distribuzione carburanti.
Il rilascio delle autorizzazioni o la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) relative alle attività accessorie avviene nel rispetto delle norme di settore, in particolare per gli aspetti edilizi, ambientali, igienico-sanitari, di sorvegliabilità e di sicurezza sul lavoro. Ai fini del presente articolo, per normative di settore si intendono tutte le normative commerciali, artigianali e di servizi.

Modalità di presentazioneÈ data la possibilità di comunicare o richiedere autorizzazione per iniziare le attività accessorie, adottando la disciplina e la relativa modulistica individuata per i singoli procedimenti . (vedi procedimenti corrispondenti)
La relativa autorizzazione o SCIA deve far capo allo stesso titolare dell’impianto di distribuzione carburanti

Disciplina sanzionatoriaVedi procedimenti Corrispondenti

Normativa di riferimentoL.R. 27/2009 - Testo unico commercio
DGR n. 125 del 07/02/2011 - Regolamento regionale concernente: “Disciplina della distribuzione dei carburanti per autotrazione”

Allegati
img_20CSF01 - SCIA esercizi di vicinatoScia di esercizio di Vicinato per Compilazione Manuale
img_21CSF20 - COM sospensione attività
img_22PRS01 - Procura SpecialeDa presentarsi in caso di procura
Presenta domanda on-lineimg_3