Porto San Giorgio
Ti trovi in: > Home > Procedimenti e modulistica > Commercio in sede fissa > Vendita attraverso distrib. automatici


CSF05 - Forme speciali di vendita: distributori automatici

UfficioSportello Unico delle Imprese
DescrizioneFra le forme speciali di vendita al dettaglio, come definite dall'articolo 4, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, rientra l’attività di vendita dei prodotti al dettaglio per mezzo di distributori automatici di cui all'articolo 17 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114.L’attività di commercio al dettaglio mediante distributori automatici effettuata in apposito locale ad essa adibito in modo esclusivo è soggetta alle disposizioni concernenti l’apertura di un esercizio di vendita, fatto salvo quanto stabilito per la somministrazione di alimenti e bevande mediante distributori.L’attività di vendita è esercitata nel rispetto delle vigenti norme sull’occupazione del suolo pubblico nel caso in cui l’apparecchio automatico viene installato sulle aree pubbliche.E’ vietata la vendita mediante distributori automatici di bevande alcoliche.

Modalità di presentazioneL'esercizio delle attività di cui alla presente scheda è subordinato alla presentazione di una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), ai sensi dell'articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, al Comune, L’attività oggetto della segnalazione può essere iniziata dalla data della presentazione della SCIA all’Amministrazione competente. La SCIA dovrà essere compilata sull’apposito modello riportato in calce e presentata insieme alla documentazione richiesta.La SCIA verrà sottoposta alle verifiche istruttorie di cui all’art. 6 della L. 241/90 e, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti di cui al punto precedente, l’Amministrazione competente, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione di cui sopra, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l’interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro un termine fissato dall’amministrazione, in ogni caso non inferiore a trenta giorni.

Disciplina sanzionatoriaChiunque esercita l’attività di commercio in mancanza della DIA, ovvero senza i requisiti morali e professionali è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 2.500,00 ad euro 15.000,00 e alla chiusura immediata dell’esercizio.

Normativa di riferimentoDLgs. 114/1998
L.R. 27/2009D
Lgs. 59/2010

Allegati
img_20CSF05 - SCIA apparecchi automatici
img_21CSF20 - COM sospensione attività
img_22PRS01 - Procura SpecialeDa presentarsi in caso di procura
Presenta domanda on-lineimg_3